Natale e Capodanno rappresentano il periodo di massima tensione emotiva dell’anno: si coglie l’occasione di vedere amici persi di vista da molto tempo o che sono andati a vivere all’estero, si passa più tempo in famiglia e si viene colti da un certo grado di ansia per riuscire a pensare a tutto.

Personalmente una degli aspetti più complicati da gestire durante le feste natalizie è di sicuro la lista di Babbo Natale. Trovare per tutti il regalo perfetto ogni anno si rivela un’impresa mica male per le mie sinapsi obnubilate dalle massicce quantità di cioccolata che tendo a consumare in occasione del Santo Natale e affini.
D’altra parte di anno in anno il periodo che comincia ad essere definito come “natalizio” va dal 1 Novembre al 6 Gennaio, quindi si comincia a sentire l’ansia per i regali verso il 15 ottobre.

Ma fortunatamente la chiave per risolvere le crisi dell’ultimo minuto risiede proprio nella lunghezza acquisita da questo periodo, quindi non disperate: se avete ancora dubbi su cosa regalare ad un vostro amico scrittore, o a cosa inserire nel vostro cartello dei desideri, abbiamo qui un’ottima lista da cui poter trarre ispirazione.

gancio porta zaino1. Un gancio per borsa/zaino

Un articolo che non può mancare ad una persona che come me non può lasciare casa senza una borsa o uno zaino che contenga tutto l’arsenale di Mary Poppins è il gancio per la borsa.
Si tratta di un oggettino richiudibile che alla bisogna si apre e assicura la borsa a qualsiasi superficie piana, evitando il contatto con il pavimento e rendendola comodamente raggiungibile per rovistarne il contenuto.

2. Panni umidi per occhiali

Siano essi da sole o da vista ormai tutti abbiamo con noi almeno un paio di occhiali, e non c’è nulla di più fastidioso che la vista delle ditate sulle lenti o un leggerissimo strato di polvere che sembra solo spostarsi quando ci passate un panno tradizionale.
Per risolvere questo fastidioso inconveniente la soluzione sono i panni comprimibili umidi che riescono a pulire bene e a fondo.

Se volete accompagnare questo pensierino a qualcosa di un pochino più consistente consiglio anche i porta occhiali pieghevoli che una volta svuotati del loro contenuto si piegano diventando sottili ed utilizzabili anche come porta mascherina chirurgica!

3. Set per calligrafia

Uno dei regali che ho maggiormente apprezzato ricevere è proprio un set di penne e cartucce per imparare l’arte della calligrafia, come abbiamo visto in uno dei nostri articoli, questo hobby ha dei vantaggi.
Il prezzo comincia ad essere un po’ diverso dagli articoli precedenti, ma è comunque variabile in base al modello che si sceglie.

4. Bullet Journal

Un altro oggetto che trovo estremamente utile è il bullet journal, un quadernino che al posto di essere a righe o a quadri presenta solo dei puntini che fungono da guida per scrivere nella maniera che più si confà all’utilizzatore.

Questo tipo di fogli permette anche di dare spazio alla propria fantasia per scrivere, disegnare ed organizzare in totale libertà se si preferisce fare dei piani mensili piuttosto che settimanali.

5. Penne ricaricabili

Personalmente se non scrivo tutte le informazioni importanti, difficilmente saranno trattenute dalla mia memoria, per questo motivo sono una consumatrice seriale di penne.

Un aspetto però che negli ultimi anni ha cominciato a darmi fastidio è il fatto che si dovesse buttare tutta la penna una volta finita, è per questo motivo che mi sono convertita alla penne ricaricabili, in maniera tale che almeno parte del materiale utilizzato possa essere conservato, diminuendo la quantità di rifiuti prodotti durante l’anno.

Se invece volete andare sul classico e regalare un libro vi presento qui i primi cinque titoli di IBS che durante l’anno hanno scalato le classifiche:

libriAngeli per i Bastardi di Pizzofalcone di Maurizio de Giovanni
Un libro perfetto per gli appassionati di gialli contemporanei e di intrighi legislativi.

Punto pieno di Simonetta Agnello Hornby
Un libro ad alta emotività, prosecuzione della saga dell’autrice che va a fondo della questione Siciliana alla fine del secolo scorso tra omicidi, violenze e passioni.

Crossroads di Jonathan Franzen
La storia di una famiglia americana degli anni Settanta dipinge con colori vibranti la storia in cui è immersa nella ricerca di un equilibrio tra la fredda morale e la viva natura dell’essere umano.

– L’amore fa miracoli di Sveva Casati Modignani
Le quattro amiche protagoniste questo romanzo apparentemente più leggero dei precedenti, racconta le sfide sentimentali che ancora oggi non risparmiano nessuno.

C’è un cadavere al Bioparco di Walter Veltroni
Per un classico classico qui non si sbaglia, le spire di un serpente, animale e non sono coinvolte per tenere con il fiato sospeso il lettore.

E voi che regali consigliereste per questo periodo? Ne avete trovati alcuni particolarmente interessanti?